Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
NEUROFARBA Dipartimento di Neuroscienze, Psicologia, Area del Farmaco e Salute del Bambino

POS 7. NORME SPECIALI FINALIZZATE ALLA SALVAGUARDIA DEL BENESSERE ANIMALE

Scopo della presente POS 7 è quello di fornire le modalità operative utili a garantire i più alti livelli di benessere degli animali detenuti.

  1. Chiunque si accorga di animali sofferenti o malati ne annota il numero di gabbia su le apposite schede anamnestiche rese disponibili in ogni locale di stabulazione (annex F) e/o ne fa tempestiva segnalazione al Medico Veterinario Designato, che prescriverà le opportune modalità terapeutiche e deciderà il destino degli animali.
  2. Per il monitoraggio clinico specifico in corso di procedura e la valutazione dei punti finali umanitari relativi ai singoli progetti, si rimanda a quanto enunciato al punto 24 dell’all. VI dei progetti di ricerca autorizzati. Il personale ricercatore è tenuto al monitoraggio periodico degli animali coinvolti nei propri progetti e, laddove previsto, alla corretta compilazione, applicazione ed archiviazione delle scoresheets per la valutazione del livello di sofferenza. Il Medico Veterinario Designato si rende disponibile per supportare il personale ricercatore e a rivalutare gli animali con segni di sofferenza per prescrivere eventuali modalità terapeutiche e decidere il destino degli animali.
  3. E’ vietato eseguire qualunque procedura che sia fonte di stress per gli animali all’interno delle stanze di stabulazione. Per l’esecuzione di procedure è obbligatorio utilizzare i laboratori dedicati.
  4. E’ vietato il riutilizzo degli animali in progetti e procedure differenti senza aver ricevuto il parere del Medico Veterinario Designato, in accordo con art. 16 del D.Lvo 26/2014.
  5. Il Personale è tenuto a mantenere un comportamento generale rispettoso nei confronti del benessere e della salute degli animali; a tale fine, si ricorda che è obbligatorio il rispetto delle seguenti norme:
    1. utilizzare i dispositivi di protezione individuale in tutte le aree dello stabulario, con particolare attenzione all’uso dei guanti usa e getta per qualsiasi tipo di manipolazione degli animali. E’ altresì vietato toccare gli animali senza guanti;
    2. sostituire i guanti se è prevista la manipolazione consecutiva di animali di specie diverse, stabulati in stanze distinte e appartenenti a differenti progetti di ricerca;
    3. limitare l’uso di prodotti cosmetici e per l’igiene della persona che emanino forti odori;
    4. limitare i rumori forti e tali da disturbare gli animali;
    5. rifornire le gabbie ed i ricoveri con materiale di arricchimento ambientale idoneo per la specie, e vigilare affinché nessuna gabbia ne sia priva o carente.
 
ultimo aggiornamento: 04-Apr-2019
Unifi Home Page CESAL

Inizio pagina