Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
NEUROFARBA Dipartimento di Neuroscienze, Psicologia, Area del Farmaco e Salute del Bambino
Home page > Ricerca > Centri > CeSAL > REGOLAMENTO INTERNO per l'accesso e l'utilizzo delle strutture del CeSAL > POS 4. NORME SPECIFICHE PER I FLUSSI DI MATERIALE, ANIMALI E PERSONALE ALL’INTERNO DELLE SEDI CeSAL

POS 4. NORME SPECIFICHE PER I FLUSSI DI MATERIALE, ANIMALI E PERSONALE ALL’INTERNO DELLE SEDI CeSAL

Scopo della presente POS 4 è quello di fornire le modalità operative per i flussi di materiali, animali e personale all’interno delle Sedi, al fine di tutelare lo stato microbiologico degli animali e la sicurezza degli operatori.

  1. Poiché lo stabulario può includere la presenza di animali con differente stato microbiologico, è necessario rispettare un flusso di lavoro tale da preservare le aree più pulite da contaminanti provenienti da aree meno pulite. Pertanto, il flusso di persone e materiali nelle aree di stabulazione deve sempre rispettare la direzione pulito-sporco. 
  2. Ove è presente il doppio corridoio pulito/sporco (area di stabulazione topi della Sede Centrale), si deve accedere ai locali di stabulazione dalla porta presente sul corridoio pulito ed uscire dalla porta sul corridoio sporco.
  3. Ove è presente un solo corridoio (Sedi Distaccate, corridoio ratti della Sede Centrale), è necessario effettuare una distinzione temporale per le operazioni di pulizia nell’arco della giornata: prima materiale pulito e poi materiale sporco (per “materiale sporco” si intende gabbie con lettiera esausta, rifiuti da destinare allo stoccaggio, carcasse di animali morti).
  4. E’ vietato l’accesso ai locali di quarantena senza l’autorizzazione da parte del Medico Veterinario Designato. In ogni caso, l’accesso a tali locali deve essere effettuato indossando dispositivi di protezione individuale dedicati, di tipo usa e getta (camice, guanti, mascherina e cuffia per la testa), che andranno gettati all’uscita dell’area di quarantena. Si accede all’area di quarantena di norma alla fine della giornata lavorativa.
  5. E’ vietato l’accesso ai locali adibiti ai topi nudi immunodeficienti (area sterile). Sono autorizzati all’ingresso in tali aree: 1) Il Medico Veterinario Designato, 2) I Responsabili del Benessere animale, 3) il personale ricercatore reclutato negli specifici progetti che utilizzano i topi stabulati in tali aree. In ogni caso, l’accesso a tali locali deve essere effettuato indossando dispositivi di protezione individuale dedicati, di tipo usa e getta (camice, guanti, mascherina e cuffia per la testa), che andranno gettati all’uscita dell’area sterile. All’interno della stessa giornata, si accede all’area sterile prima di accedere alle altre aree di stabulazione. Al fine di migliorare il biocontenimento, il personale Animal Care che lavora nelle aree convenzionali non provvede al cambio gabbie e controllo degli animali nell’area sterile. Tali operazioni saranno svolte dal personale ricercatore. Tutto il materiale utilizzato nelle aree sterili deve essere preventivamente autoclavato o sterilizzato con altro metodo efficace. Qualsiasi procedura o manipolazione su animali immunodeficienti deve essere svolta obbligatoriamente sotto cappa a flusso laminare.
  6. Si deve limitare il più possibile la movimentazione degli animali tra le aree comuni (cappe, laboratori e sale operatorie), avendo cura di disinfettare superfici, apparecchiature e strumentazione dopo ogni uso.
  7. E’ obbligatorio spostare gli animali tra i locali all’interno di gabbie chiuse con coperchio e filtro. Per nessun motivo è consentito movimentare animali liberi al di fuori delle gabbie.
  8. Le carcasse devono essere raccolte in appositi sacchi chiusi e stoccate negli appositi bidoni per i rifiuti speciali.
 
ultimo aggiornamento: 04-Apr-2019
Unifi Home Page CESAL

Inizio pagina